Il Cavallo bianco

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

fattrice epuledro
Pà e zia

Da ragazzo sognavo un cavallo bianco che mi avrebbe portato lontano e mi avrebbe fatto felice.

Mio padre mi parlava spesso dei cavalli e dei Dragoni del suo tempo.


Dragone Nizza Cavalleria"Padre mio comprami una moto per sentire il brivido del vento, per vedere se arriverò in tempo a conquistare la mia libertà."
"Padre mio comprami una barca, per andare sull’isola deserta, per raggiungere la mia tranquillità che quì prezzo più non ha".


Questo andavo cantando nelle mie canzoni.
Poi mio padre morì e non sognai più quel cavallo bianco.
Ma oggi, nel costante addio delle forme, a volte continuo il mio viaggio.

 

 

 


...poi ho proseguito il viaggio
...

i viaggi

_____________________________________________________

P.S. Sin dall'inizio amò i mezzi speciali e le destinazioni sconosciute