ADRIATICO 2016

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

ADRIATICO 2016
20 agosto - 5 settembre

Itinerario "distensivo" sulla costa adriatica con consueto appuntamento alla Biennale di Venezia

________________________________________________________

Grottammare

Sviluppo urbanistico in funzione balneare: Tra il XiX e il xx secolo Grottammare fu interessata da una intensa attività edilizia nella zona a ridosso del lungomare con la realizzazioni di villini destinati per lo più alla villeggiatura.

Comune di Grottammare/monumenti e beni culturali

Grottammare - Itinerario liberty

________________________________________________________

 

Reporting from the front (Biennale Venezia 30.31 agosto2016)

Durante un suo viaggio in Sudamerica Bruce Chatwin incontrò un'anziana signora che camminava nel deserto con una scala di alluminio sulle spalle. Era l'archeologa tedesca Maria Reiche, che studiava le linee di Nazca.
Da terra le pietre non avevano alcun senso, sembravano solo sassi. Ma dall'alto della scala le pietre diventavano uccelli, alberi o fiori. Maria Reiche non aveva il denaro nè la tecnologia per studiare le linee dall'alto. Ma l'archologa era abbastanza creativa per riuscire comunque nel suo intento. La semplice scala è la prova che non dovremmo attribuire alla mancanza di mezzi l'incapacità di fare il nostro lavoro. Contro la scarsità: l'inventiva.
D'altra parte dal tetto di un'auto o di un furgone per guardare da una certa altezza e spostarsi intorno all'area avrebbe distrutto l'oggetto del suo studio. Così si è giunti ad una brillante comprensione della realtà e dei mezzi con cui prendersene cura. Contro l'abbondanza: la pertinenza.
Così la biennale Architettura 2016 tenta di offrire un nuovo punto di vista come quello che Maria Reiche aveva dall'alto della sua scala. Date la complessità e la varietà di sfide che l'architettura deve affrontare, Reporting from the front si propone di ascoltare coloro che sono stati capaci di sguardi più ampi e sono perciò in grado di condividere conoscenza ed esperienze, inventiva e pertinenza con quelli di noi che rimangono in piedi sul terreno (da Alejandro Aravena, introduzione Biennale Architettura 2016).

 

________________________________________________________